Air Max Day 26.03

AW LAB è il retailer italiano di riferimento per lo sport-style. Propone una vasta collezione di sneaker dei brand sportivi internazionali più famosi e un vasto assortimento di modelli esclusivi realizzati in collaborazione con loro. La proposta si completa con una collezione di capi d’abbigliamento e accessori dei maggiori brand sportswear e con la private label di abbigliamento BeAW.
Shop Online

Oggi si festeggia un anniversario molto importante per i veri sneakers-addicted, la mitica Air Max compie la bellezza di 27 anni.
Il 26 Marzo 1987 fu lanciata sul mercato la scarpa che avrebbe rivoluzionato la sneakers culture e la storia del brand che da quel momento in poi non smise più di crescere in modo esponenziale.

Nike Air Max fu in assoluto la prima trainers ad avere un largo cuscinetto d’aria posto sul tallone visibile a lato dell’intersuola. Questo modello, frutto dell’ingegno di Mark Parker e Tinker Hatfield, fu una vera e propria rivoluzione grazie ad un design molto azzeccato e alla particolarità dell’unità Air visibile, messa ancora più in evidenza nel primissimo modello da un abbinamento cromatico accattivante come il bianco e il rosso.

Dal 1987 in poi sono state proposte tantissime varianti di Air Max, tutti i successivi modelli hanno sempre avuto una sola ed unica costante, la “buble air” sempre visibile.
Air Max 1
Nel 1991 prende forma la Air Max 180, una scarpa da running che presentava 180 gradi di ammortizzazione visibile sotto l’intersuola.
Il modello del 1993 – Air Max 93, è stato il primo ad avere l’inserto air sul tallone completamente visibile, anche sul retro della scarpa e non solo sui lati.

Air Max 95

Nel 1995 arriva l’AM95, dove per la prima volta si può vedere l’unità air anche sulla pianta del piede.
Nel 1997 Nike propone un modello assolutamente mitico, conosciuto da molti come “Silver”, l’ AM97 è stato il primissimo modello in cui fu utilizzato un unico cuscinetto d’aria su tutta la scarpa.

Air Max 97

Negli anni il sistema Air ha subito molte variazioni, si possono infatti individuare più modelli di “buble air” come il “Tube air”: costituito da piccoli cerchi nell’intersuola della scarpa; il “Total Air” che indica un cuscinetto esteso per tutta la pianta della scarpa; il “Tuned Air”: sistema formato da singoli gusci orientati verso zone diverse del piede e per finire troviamo lo “Zoom Air” e cioè l’inserto d’aria visibile anche dal fondo della scarpa a basso profilo.

Tanti auguri Air Max!!!

Qui potrete trovare tutti i modelli disponibili su aw-lab.com

asics gel fuji trainer 2
Converse all Star brasilian