jay-adams.jpg

AW LAB è il retailer italiano di riferimento per lo sport-style. Propone una vasta collezione di sneaker dei brand sportivi internazionali più famosi e un vasto assortimento di modelli esclusivi realizzati in collaborazione con loro. La proposta si completa con una collezione di capi d’abbigliamento e accessori dei maggiori brand sportswear e con la private label di abbigliamento BeAW.
Shop Online

Jay Adams, il padre dello skate
Quando, nel 1975, insieme a Stacy Peralta e Tony Alva, iniziò a infilarsi di soppiatto nelle piscine di Beverly Hills svuotate a causa della siccità per skateare, aveva solo 14 anni. Era dunque il più giovane, e il più talentuoso, del gruppo. Non, forse, lo skater migliore di tutti i tempi, ma di sicuro l’iniziatore dello skate modernamente inteso, secondo le parole del suo stesso compagno nello Zephyr Team, Peralta. Fu quello che si rifiutò di compromettere la propria passione con il business, come invece fece Stacey Peralta, che non a caso ha anche sceneggiato due film sull’esperienza giovanile propria e dei suoi amici: il famosissimo Lord of Dogtown e il documentario, meno noto ma forse anche migliore, Dogtown and Z-Boys. Nel film hollywoodiano, questo secondo, la ribellione alle regole del business a cui lo si vorrebbe sottomettere è significativamente resa con la scena in cui Jay si rade la testa, privandosi dei “telegenici” capelli.  Anche nella suo tormentosa vita privata il carattere forte e sprezzante delle regole emerge: in prigione per qualche anno per detenzione di droghe e per aggressione, ha divorziato due volte, ed è oggi sposato con la terza moglie.  Ve lo proponiamo in tutto il suo stile che rivoluzionò per sempre lo skate in questo video. Non a caso proprio in Dogtown and Z-Boys si dice: “When God decided to create skateboard, he said: ‘Let there be Jay Adams’.”

scuola4.jpg
gangnam-style.jpg