isola_che_non_ce_e_su_google_maps-620x360.jpg

AW LAB is the Italian reference retailer for sport-style. AW LAB offers an extended collection of sneakers of the most famous international sports brands and an assortment of exclusive editions made in collaboration with them. The proposal is completed by a collection of clothing and accessories of the leading sportswear brands.
Shop Online

L’isola che non c’è c’è davvero
Maria Seton guida un team di geologi presso l’Università di Sydney, e immaginatevi la sua faccia quando ha scoperto che l’isola che non c’è…c’è! Ovvero, che gli operatori di Google Maps hanno inserito un’isola, Sandy Island, tra l’Australia e la Nuova Caledonia, l’hanno misurata in 26 chilometri e l’hanno rappresentata, appunto, su tutte le mappe. Ma l’isola, signore e signori, non esiste.  Solcato il del Mar dei Coralli, pronti ad attraccare sulle coste di Sandy, gli scienziati australiani hanno trovato… Un buco nell’acqua—e nemmeno è possibile che l’isola sia stata nel frattempo sommersa, dato che il fondale è profondo 1.400 metri.  «Ci siamo fatti tutti una bella risata alla faccia di Google —ha dichiarato Steven Micklethwaite della University of Western Australia—Poi abbiamo iniziato a compilare le informazioni sul fondo marino per inviarle alle autorità competenti, in modo che possano modificare la mappa del mondo» Maria Seton guida un team di geologi presso l’Università di Sydney, e immaginatevi la sua faccia quando ha scoperto che l’isola che non c’è…c’è! Ovvero, che gli operatori di Google Maps hanno inserito un’isola, Sandy Island, tra l’Australia e la Nuova Caledonia, l’hanno misurata in 26 chilometri e l’hanno rappresentata, appunto, su tutte le mappe. Ma l’isola, signore e signori, non esiste.  Solcato il del Mar dei Coralli, pronti ad attraccare sulle coste di Sandy, gli scienziati australiani hanno trovato… Un buco nell’acqua—e nemmeno è possibile che l’isola sia stata nel frattempo sommersa, dato che il fondale è profondo 1.400 metri.  «Ci siamo fatti tutti una bella risata alla faccia di Google —ha dichiarato Steven Micklethwaite della University of Western Australia—Poi abbiamo iniziato a compilare le informazioni sul fondo marino per inviarle alle autorità competenti, in modo che possano modificare la mappa del mondo»

elfandiary-570x320.jpg
1_01.jpg